Domande e FAQ sullo stato della tecnica

Inviate una domanda sullo stato della tecnica

Se avete una domanda che non è elencata nelle FAQ in basso, scrivetela direttamente nel formulario seguente.

Alla ricezione del messaggio riceverete una conferma automatica e la richiesta sarà inoltrata al gruppo di lavoro «Stato della tecnica». Entro 10 giorni dalla ricezione del messaggio, il richiedente riceverà una risposta concreta del gruppo di lavoro o indicazioni su come procedere. Le domande di carattere generale vengono pubblicate in questa pagina in formato anonimo come FAQ.

FAQ Stato della tecnica

Nella raccolta seguente sono riportate le risposte fornite dal gruppo di lavoro «Stato della tecnica» e categorizzate in base al sistema NOGA.

Acque di scarico provenienti dall’industria e dall’artigianato in generale

Nessun risultato trovato

Stato della tecnica nella protezione industriale dell’ambiente e delle acque

Nessun risultato trovato

Pretrattamento delle acque di scarico / tecnica dei processi

Nessun risultato trovato

Smaltimento delle acque dei fondi nell’industria e nell’artigianato

Nessun risultato trovato

Gestione dei rifiuti e rifiuti speciali

Nessun risultato trovato

Stoccaggio di sostanze pericolose per le acque

Nessun risultato trovato

Prevenzione dei danni e degli incidenti nelle aziende

Nessun risultato trovato

Ritenzione acqua di spegnimento

Nessun risultato trovato

Altre informazioni utili

In Svizzera le autorità amministrative e le aziende industriali e artigianali ottengono informazioni e indi-cazioni per l’applicazione del termine «stato della tecnica» nella valutazione delle acque di scarico me-diante il documento Stand der Technik im Gewässerschutz (Stato della tecnica nella protezione delle acque).
L’ordinanza federale sulla protezione delle acque (OPAc) del 28 ottobre 1998 richiede alle aziende indu-striali e artigianali di adottare le necessarie misure conformi allo stato della tecnica per i processi produttivi e lo smaltimento delle acque di scarico.

Per gli stati dell’UE si applica la direttiva 96/61/CE del Consiglio del 24 settembre 1996 (direttiva IPPC) sulla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento (Directive 96/61/EC – Integrated Pollution Prevention and Control – Directive IPPC).
Lo stato della tecnica è stabilito in documenti specifici del settore o documenti trasversali, i cosiddetti documenti di riferimento sulle migliori tecniche disponibili (BAT Reference Documents).

In Germania i requisiti sono indicati a livello settoriale ai sensi delle BVT (Beste Verfügbare Techniken, migliori tecniche disponibili, equivalente a stato della tecnica), negli allegati dell’Ordinanza sulle acque di scarico. Tale ordinanza deve servire espressamente per l’attuazione della direttiva 96/61/CE.

In Austria si applica l’AAEV, ordinanza sulla limitazione generale delle immissioni di acque di scarico in corsi d’acqua o canalizzazioni pubbliche. Per molte fonti lo stato della tecnica è descritto in ordinanze distinte, le AEV. L’elenco delle varie AEV è disponibile nel sistema d’informazione giuridica della Cancelleria federale.